Indietro

Blockchain: il futuro dei dati?

Per chi visita costantemente i blog e le testate online che trattano di tecnologia e innovazione la Blockchain è un tema ricorrente ma non sempre di facile comprensione. Proviamo a introdurlo.

Cos'è la Blockchain?

La Blockchain è un protocollo di comunicazione innovativo, un nuovo metodo di gestione delle informazioni. Consiste in un Database decentralizzato che registra un numero sempre crescente di informazioni, costruendo una catena di “blocchi” che rappresentano lo storico delle transazioni di dati avvenute. Questa sorta di libro mastro digitale decentralizzato può essere consultato da tutti coloro che fanno parte di questo sistema poiché ognuno ne possiede una copia.

Le sue caratteristiche 

  • Irreversibilità: le transazioni sono irrevocabili poiché la struttura a catena impedisce di tornare indietro facilmente.
  • Affidabilità: tutti i partecipanti hanno un diretto controllo sulla catena e, non essendo un sistema centralizzato, è più difficile che i dati vengano danneggiati o persi.
  • Trasparenza: le transazioni effettuate sono visibili a tutti i partecipanti.
  • Digitalità: le informazioni sono condivise online e sempre accessibili. Una delle sue peculiarità di maggiore rilievo è sicuramente quella della protezione di dati.

Le informazioni inviate utilizzano tecniche avanzate di crittografia che assicurano il raggiungimento dei dati al corretto destinatario, l’unico possessore della chiave di lettura. Risulta quindi molto difficile “rubare” le informazioni, poiché sarebbe necessario entrare in ogni blocco, in quanto queste non sono contenute in un database centrale.

Recentemente stati come l’Estonia, stanno sperimentando l’adozione di sistemi di Blockchain per raccogliere i dati anagrafici e personali dei cittadini e sfruttare quindi la loro maggiore efficienza in termini di sicurezza.

Ambiti applicativi

Si parla sempre più della Blockchain come tecnologia associata alle monete elettroniche quali i Bitcoin, ma i suoi possibili utilizzi non si fermano qua. La finanza e l’economia sono sicuramente gli esempi più rappresentativi perché tramite la Blockchain è possibile prevenire frodi e mancati pagamenti, problemi all’ordine del giorno in questi settori.

Comunicare informazioni riservate in modo semplice e sicuro è una necessità comune. Per questo motivo, dal settore privato a quello pubblico, tutti possono trarre beneficio dalla Blockchain. Si pensi ad esempio alla sanità. Un medico ha bisogno di comunicare i dati relativi a un proprio paziente. Con la Blockchain lo potrà fare in breve tempo e garantendo che nulla si perda nella rete.
Altri settori? Le assicurazioni, il Retail, la Pubblica Amministrazione… 

Sono molti gli investitori che oggi stanno puntando alla tecnologia del Blockchain, sono stati investiti infatti più di 1 miliardo di dollari in oltre 120 startup negli ultimi quattro/cinque anni.

Sarà questo il grande cambiamento che stravolgerà il nostro modo di vivere la rete? A breve lo scopriremo.